venerdì 7 gennaio 2011

Moschea di Via Urbino: dichiarazione del CCST.

Riceviamo e pubblichiamo volentieri la dichiarazione del Coordinamento Comitati Spontanei Torino riguardo la questione dell'apertura di una Moschea in Via Urbino, che ci trova completamente d'accordo


COMUNICATO STAMPA



MOSCHEA DI VIA URBINO: URGE UN PATTO SOCIALE

Sul tema della Moschea di via Urbino, il cui progetto ha avuto il via libera del Comune il 31 dicembre, il C.C.S.T. - Coordinamento Comitati Spontanei Torinesi è impegnato da tempo.

Nel tentativo di coniugare le legittime esigenze della comunità musulmana torinese, che chiede di avere un posto dignitoso ove pregare, ed i timori dei residenti, preoccupati per l'insorgere del fondamentalismo religioso ed un peggioramento della qualità della vita nel quartiere, il C.C.S.T. ha presentato sin dal maggio 2010 un patto sociale con la proposta di sottoscriverlo insieme a Comune e Prefettura.

Un accordo che impegnerebbe le parti a riconoscere «garanzie di vivibilità, sicurezza e decoro a tutti coloro che risiedono nella via e nelle vie limitrofe», necessarie a «mantenere il giusto equilibrio tra residenti e cittadini di fede musulmana», «ferma restando ogni doverosa adozione delle misure di sicurezza».

Un proposta che Sergio Chiamparino, Sindaco di Torino, ed Ilda Curti, Assessore alle Politiche per l'integrazione del Comune di Torino, hanno accolto favorevolmente impegnandosi recentemente a farsene portavoce in Prefettura.
Il clima surriscaldato di questi ultimi giorni è una chiara dimostrazione di quanto il patto sociale da noi proposto sia urgente e necessario per rasserenare gli animi dell'opinione pubblica torinese e costruire intorno all'iniziativa una vera coesione sociale.


Ufficio Stampa
C.C.S.T. - Coordinamento Comitati Spontanei Torinesi

Torino, 4 gennaio 2011

Permalink:
http://www.ccst.it/documenti/comunicati-stampa/moschea-di-via-urbino-urge-un-patto-sociale.html



UFFICIO STAMPA

INFO: (+39) 339.833.30.51

Web: www.ccst.it E-mail: ufficio.stampa@ccst.it

FINE COMUNICATO


Noi di Migliora Torino siamo (ovviamente!) contro qualsiasi discriminazione, di qualunque tipo, e riteniamo che i concittadini e gli immigrati che abbracciano la fede musulmana abbiano il diritto di avere un posto dove pregare e riunirsi. Siamo anche contro i beceri stereotipi che vedono in un immigrato un problema o in un musulmano un terrorista.
Tuttavia siamo anche consapevoli che, stante la quasi incredibile faciloneria con cui in Italia sono gestiti l'ordine pubblico e la convivenza civile, il progetto di Moschea deve essere accompagnato ad una emancipazione sia della parte musulmana sia della restante parte della comunità, responsabilizzando tutti al rispetto reciproco e instaurando reali forme di collaborazione, di socializzazione e di dialogo.
Migliora Torino è disponibile a pubblicare le dichiarazioni dei cittadini musulmani che volessero intervenire nella questione.

Nessun commento:

Posta un commento